Dai risvegli confusi al sonnambulismo: aspetti clinici, videopolisonnografici e diagnosi differenziale dei disturbi dell'arousal nell'adulto

Loddo, Giuseppe (2019) Dai risvegli confusi al sonnambulismo: aspetti clinici, videopolisonnografici e diagnosi differenziale dei disturbi dell'arousal nell'adulto, [Dissertation thesis], Alma Mater Studiorum Università di Bologna. Dottorato di ricerca in Scienze biomediche e neuromotorie, 32 Ciclo.
Documenti full-text disponibili:
[img] Documento PDF (Italiano) - Accesso riservato fino a 1 Novembre 2021 - Richiede un lettore di PDF come Xpdf o Adobe Acrobat Reader
Disponibile con Licenza: Salvo eventuali più ampie autorizzazioni dell'autore, la tesi può essere liberamente consultata e può essere effettuato il salvataggio e la stampa di una copia per fini strettamente personali di studio, di ricerca e di insegnamento, con espresso divieto di qualunque utilizzo direttamente o indirettamente commerciale. Ogni altro diritto sul materiale è riservato.
Download (2MB) | Contatta l'autore

Abstract

Introduzione I disturbi dell’arousal (DOA) comprendono: risvegli confusi, sonnambulismo e terrore notturno. Tali disturbi, negli adulti, spesso non hanno le caratteristiche di benignità presenti nei bambini. Inoltre, vanno distinti da altri eventi motori in sonno come l’epilessia sonno-correlata con crisi ipermotorie (SHE), caratterizzata da manifestazioni motorie di intensità e durata crescente come gli arousal parossistici, le crisi ipermotorie complesse e il sonnambulismo epilettico. Obiettivi Obiettivo dello studio è: descrivere le caratteristiche cliniche e semeiologiche dei DOA nell’adulto; caratterizzare gli episodi da un punto di vista motorio con particolare riferimento alla diagnosi differenziale con la SHE. Metodi La popolazione comprende un gruppo di pazienti adulti affetti da DOA, SHE e soggetti sani sottoposti a videopolisonnografia notturna (VPSG). Le VPSG sono state analizzate da 2 neurologi con esperienza in disturbi del sonno ed epilessia che hanno identificato e classificato tutti i movimenti e gli episodi ad insorgenza dal sonno. Risultati Sono stati arruolati 60 pazienti affetti da DOA, 30 affetti da SHE e 15 soggetti sani. Sono state analizzate 114 VPSG in cui sono stati registrati 334 episodi di DOA e 140 arousal parossistici. Sono stati individuati tre diversi pattern motori specifici dei DOA in età adulta di complessità ed intensità crescente: i movimenti semplici associati all’arousal; i movimenti di sollevamento associati all’arousal; i movimenti complessi associati all’arousal. Gli episodi minori dei DOA differiscono da quelli della SHE per durata, fase d’esordio dal sonno, coinvolgimento degli arti e comportamenti. Nei pazienti con DOA gli episodi maggiori e minori esordiscono più frequentemente nella fase 3 di sonno NREM e, nei pazienti con SHE, nella fase 2 di sonno NREM. Conclusioni Lo studio ha permesso di descrivere le caratteristiche cliniche e videopolisonnografiche dei DOA negli adulti fornendo elementi essenziali per la diagnosi differenziale con la SHE.

Abstract
Tipologia del documento
Tesi di dottorato
Autore
Loddo, Giuseppe
Supervisore
Co-supervisore
Dottorato di ricerca
Ciclo
32
Coordinatore
Settore disciplinare
Settore concorsuale
Parole chiave
Arousal Disorders, Sleep Terrors, Confusional Arousal, Sleepwalking,Sleep movements, Video-Polysomnography, Sleep Hypermotor Epilepsy, Paroxysmal Arousal, EEG,
URN:NBN
Data di discussione
29 Novembre 2019
URI

Altri metadati

Gestione del documento: Visualizza la tesi

^