Studio pilota sui risultati di un trattamento ambulatoriale integrato in pazienti con disturbo da uso di alcool

Bossi, Matteo Massimo (2019) Studio pilota sui risultati di un trattamento ambulatoriale integrato in pazienti con disturbo da uso di alcool, [Dissertation thesis], Alma Mater Studiorum Università di Bologna. Dottorato di ricerca in Scienze biomediche e neuromotorie, 32 Ciclo.
Documenti full-text disponibili:
[img] Documento PDF (Italiano) - Accesso riservato fino a 31 Ottobre 2020 - Richiede un lettore di PDF come Xpdf o Adobe Acrobat Reader
Disponibile con Licenza: Salvo eventuali più ampie autorizzazioni dell'autore, la tesi può essere liberamente consultata e può essere effettuato il salvataggio e la stampa di una copia per fini strettamente personali di studio, di ricerca e di insegnamento, con espresso divieto di qualunque utilizzo direttamente o indirettamente commerciale. Ogni altro diritto sul materiale è riservato.
Download (3MB) | Contatta l'autore

Abstract

22 pazienti con disturbo da uso di alcol resistenti a trattamenti precedenti sono stati arruolati in uno studio retrospettivo pilota utile a valutare un trattamento ambulatoriale integrato. Tale valutazione si basa sull’analisi delle modifiche nel tempo - ogni tre mesi per un anno - dei questionari CORE-OM e DERS, degli esami ematici e delle ecografie dei pazienti afferiti a tale trattamento nel periodo da gennaio 2017 ad aprile 2019. Il Centro Alcologico per il Trattamento Intensivo Ambulatoriale (CATIA) eroga un trattamento gruppale basato su elementi e principi dei gruppi di Skills Training DBT (dialectical behavioral therapy – terapia dialettico comportamentale) ed è condotto da uno psicoterapeuta. Si avvale inoltre della presenza di un medico psichiatra con competenze in DBT che partecipa a uno dei quattro gruppi settimanali con l’incarico di seguire la farmacoterapia dei partecipanti e di un medico internista che si occupa delle patologie internistiche alcol-correlate. L’accordo terapeutico preso con ogni persona arruolata consisteva nell’ottenere la disponibilità a partecipare al percorso gruppale per almeno 48 incontri (4 sedute settimanali: tre della durata di due ore e una della durata di tre ore) per un ammontare di tre mesi circa. Ai pazienti veniva spiegato che tre mesi si erano dimostrati un periodo di tempo sufficiente per apprendere le abilità di cui è composto il programma, raggiungere la sobrietà, e impostare i cambiamenti necessari a mantenerla. Risultati: 10 persone non hanno portato a termine il trattamento (drop out 45%) e al follow up a 12 mesi dall’inizio del trattamento 5 persone risultavano astinenti (22%). Si sono osservati significativi miglioramenti attribuibili al trattamento per quanto riguarda il disagio psicologico, la regolazione emotiva e i livelli di glutamiltranferasi (GGT).

Abstract
Tipologia del documento
Tesi di dottorato
Autore
Bossi, Matteo Massimo
Supervisore
Co-supervisore
Dottorato di ricerca
Ciclo
32
Coordinatore
Settore disciplinare
Settore concorsuale
Parole chiave
disturbo da uso di alcol, disregolazione emotiva, trattamento intensivo di gruppo, trattamento integrato
URN:NBN
Data di discussione
29 Novembre 2019
URI

Altri metadati

Gestione del documento: Visualizza la tesi

^