Epidemiologia molecolare di piccoli virus a DNA a singolo filamento

De Arcangeli, Stefano (2019) Epidemiologia molecolare di piccoli virus a DNA a singolo filamento, [Dissertation thesis], Alma Mater Studiorum Università di Bologna. Dottorato di ricerca in Scienze veterinarie, 31 Ciclo.
Documenti full-text disponibili:
[img] Documento PDF (Italiano) - Accesso riservato fino a 10 Febbraio 2022 - Richiede un lettore di PDF come Xpdf o Adobe Acrobat Reader
Disponibile con Licenza: Salvo eventuali più ampie autorizzazioni dell'autore, la tesi può essere liberamente consultata e può essere effettuato il salvataggio e la stampa di una copia per fini strettamente personali di studio, di ricerca e di insegnamento, con espresso divieto di qualunque utilizzo direttamente o indirettamente commerciale. Ogni altro diritto sul materiale è riservato.
Download (4MB) | Contatta l'autore

Abstract

Il Carnivore protoparvovirus 1 ed il Canine circovirus (CanineCV) sono due piccoli virus con un genoma a singola molecola di DNA monocatenario, che conferisce loro una notevole tendenza a mutare. Se il ruolo patogeno del Carnivore protoparvovirus 1 è ben noto, quello del CanineCV non è stato ancora del tutto definito. Nel primo studio è stato ricercato il DNA del virus della panleucopenia felina (FPV) e del parvovirus canino tipo 2 (CPV-2) nel buffy-coat di una popolazione di gatti, successivamente è stata valutata l’immunità umorale nei confronti del parvovirus nei soggetti risultati positivi. I virus identificati sono stati, inoltre, molecolarmente caratterizzati. Il DNA del FPV e del CPV-2 è stato rilevato anche in gatti sani con titoli anticorpali considerati proteggenti, facendo supporre che il gatto possa rivestire un ruolo importante nell’epidemiologia dei parvovirus. Nel secondo studio è stato sviluppato un saggio molecolare in grado di rilevare i CanineCV circolanti nei canidi domestici e selvatici. Successivamente, tale saggio di Real-Time PCR è stato impiegato per determinare la prevalenza dell’infezione da CanineCV in cani affetti da parvovirosi; sono stati poi messi a confronto i dati clinici e clinico-patologici dei soggetti che presentavano una co-infezione da CanineCV e CPV-2 rispetto a quelli infetti dal solo CPV-2. Non essendo state evidenziate differenze statisticamente significative tra i due gruppi, l’effettivo ruolo patogeno del CPV-2 risulta tuttora incerto. Il saggio molecolare è stato inoltre utilizzato per indagare l’eventuale circolazione del CanineCV in una popolazione di volpi rosse italiane; le sequenze nucleotidiche genomiche dei virus identificati sono state poi caratterizzate ed analizzate filogeneticamente. In questo studio è stata identificata, per la prima volta in Italia, una volpe rossa infetta da un CanineCV. Il virus mostrava caratteristiche genetiche più simili ai CanineCV circolanti nei cani, suggerendo una possibile trasmissione del virus tra le due specie.

Abstract
Tipologia del documento
Tesi di dottorato
Autore
De Arcangeli, Stefano
Supervisore
Dottorato di ricerca
Ciclo
31
Coordinatore
Settore disciplinare
Settore concorsuale
Parole chiave
Parvovirus, Carnivore protoparvovirus 1, Canine parvovirus, CPV-2, Parvovirus canino, Feline panleukopenia virus, FPV, Virus della panleucopenia felina, Circovirus, Canine circovirus, CanineCV, Circovirus canino, Real Time PCR
URN:NBN
Data di discussione
20 Marzo 2019
URI

Altri metadati

Gestione del documento: Visualizza la tesi

^