Architettura rurale nella pianura modenese. L'origine della forma e lo studio della composizione

Celli, Beatrice (2017) Architettura rurale nella pianura modenese. L'origine della forma e lo studio della composizione, [Dissertation thesis], Alma Mater Studiorum Università di Bologna. Dottorato di ricerca in Architettura, 28 Ciclo.
Documenti full-text disponibili:
[img] Documento PDF (Italiano) - Accesso riservato fino a 30 Marzo 2020 - Richiede un lettore di PDF come Xpdf o Adobe Acrobat Reader
Disponibile con Licenza: Salvo eventuali più ampie autorizzazioni dell'autore, la tesi può essere liberamente consultata e può essere effettuato il salvataggio e la stampa di una copia per fini strettamente personali di studio, di ricerca e di insegnamento, con espresso divieto di qualunque utilizzo direttamente o indirettamente commerciale. Ogni altro diritto sul materiale è riservato.
Download (29MB) | Contatta l'autore

Abstract

Lo studio dell’architettura rurale in Italia si sviluppa con un carattere sistematico dai primi decenni del novecento. Già dalla metà degli anni cinquanta l’esigenza di conoscere a caratterizzare le tipicità locali, ha spinto gli studiosi a definire la geografia dell’edilizia rurale individuando il rapporto fra le forme dell’insediamento nel paesaggio e le funzioni rispondenti a specifiche esigenze produttive e di vita quotidiana, in stretta relazione con i canoni della storia agraria, economica e politica. Questi principi si radicano su uno scenario naturale, che nel tempo, influenza e condiziona lo sviluppo e l’evoluzione dei caratteri insediativi dell’edilizia storica. Gli studi sull’architettura rurale nella pianura modenese sono volti a definire una metodologia di ricerca, che individui un’area di riferimento particolarmente significativa, da osservare a scala territoriale “insediamento per insediamento”, sino alla scala architettonica “edificio per edificio”, come evoluzione degli studi geografici e tipologici per macroaree del CNR. Attraverso la sequenza della cartografia storica è stato individuato il periodo ultimo di passaggio dal “paesaggio storico” (agrario) al “paesaggio moderno” (industriale), ridisegnando tutto il territorio nelle sue componenti essenziali: edifici, aree di pertinenza, appoderamenti, strade e corsi d’acqua. Attraverso le sequenze storiche, è stata delineata una puntuale evoluzione dei sistemi insediativi, stabilendo relazioni, significati, varianti e invarianti tipologiche. Sono stati individuati circa 180 casi studio significativi per forma, funzione, tipologia, e definito un catalogo dei tipi insediativi e dei tipi edilizi, definendo le forme compositive più significative. Dal ridisegno del territorio prende corpo l’analisi delle forme insediative per giungere a tracciare un’ipotesi circa l’origine della forma architettonica rurale nella pianura modenese, studiandone le aggregazioni funzionali e le variazioni compositive.

Abstract
Tipologia del documento
Tesi di dottorato
Autore
Celli, Beatrice
Supervisore
Dottorato di ricerca
Scuola di dottorato
Ingegneria civile ed architettura
Ciclo
28
Coordinatore
Settore disciplinare
Settore concorsuale
Parole chiave
Architettura Rurale
URN:NBN
Data di discussione
7 Giugno 2017
URI

Altri metadati

Gestione del documento: Visualizza la tesi

^