«Mi sono alzato, sono ricaduto / nel fondo dove il secolo è il minuto». Sogno e onirismo nella letteratura testimoniale (Primo Levi, Charlotte Delbo, Jorge Semprún)

De Palma, Maria Teresa (2017) «Mi sono alzato, sono ricaduto / nel fondo dove il secolo è il minuto». Sogno e onirismo nella letteratura testimoniale (Primo Levi, Charlotte Delbo, Jorge Semprún), [Dissertation thesis], Alma Mater Studiorum Università di Bologna. Dottorato di ricerca in Dese - les litteratures de l'europe unie/ european literatures/ letterature dell'europa unita, 29 Ciclo. DOI 10.6092/unibo/amsdottorato/7864.
Documenti full-text disponibili:
[img]
Anteprima
Documento PDF (French) - Richiede un lettore di PDF come Xpdf o Adobe Acrobat Reader
Disponibile con Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives (CC BY-NC-ND 3.0) .
Download (11MB) | Anteprima

Abstract

Il lavoro di tesi si prefigge come obiettivo l’analisi del tema del sogno nella letteratura testimoniale europea, con riferimento particolare alle opere di tre autori (Primo Levi, Charlotte Delbo, Jorge Semprún). Collocando il motivo onirico all’interno di una specifica tradizione filosofico-letteraria, di matrice per lo più europea, se ne indagano le diverse forme e declinazioni all’interno di un corpus vasto, multiforme e trans-generico. Due, in particolare, le problematiche emerse con maggiore evidenza: 1) l’uso del sogno come dispositivo discorsivo atto a ribaltare l’enunciazione classicamente mimetico-realista propria al testo testimoniale; e 2) la rappresentazione della visio notturna come grimaldello, cardine meta-discorsivo, attorno a cui ruota un profondo ripensamento della scrittura della storia e della narrazione del sé, secondo una prospettiva per lo più anti-psicologica, anti-simbolica e anti-fattualista. Nelle opere prese in esame, verrebbe dunque meno l’ipotesi freudiana, di un simbolismo intrinseco proprio al sogno, e emergerebbe piuttosto una caratura affettivo-esistenziale dell’episodio onirico: incubi e sogni presiedono dunque alla costruzione del testo testimoniale, alla sua ricalibratura su modi per lo più irrealistici, alla sua fondazione su un tipo di sapere altamente anti-positivo, e invece fatico, frammentario e corporale. Essendo a un tempo esperienza del biografico, artificio letterario e contrassegno filosofico, il sogno non si limita in questi testi a essere elemento episodico/decorativo, ma riflette invece – come in un microcosmo – i diversi livelli e le diverse problematiche insite nella scrittura.

Abstract
Tipologia del documento
Tesi di dottorato
Autore
De Palma, Maria Teresa
Supervisore
Dottorato di ricerca
Ciclo
29
Coordinatore
Settore disciplinare
Settore concorsuale
Parole chiave
sogno/rêve/dream; letteratura testimoniale/littérature de témoignage/Holocaust Literature; Primo Levi; Charlotte Delbo; Jorge Semprún; onirismo/onirisme; Letteratura europea/Littérature européenne/European literature
URN:NBN
DOI
10.6092/unibo/amsdottorato/7864
Data di discussione
7 Giugno 2017
URI

Altri metadati

Statistica sui download

Gestione del documento: Visualizza la tesi

^