Patrimonio storico e progetto nell'architettura portoghese. Riflessi della cultura italiana nell'opera di Távora, Soutinho e Siza.

Fantini, Eleonora (2021) Patrimonio storico e progetto nell'architettura portoghese. Riflessi della cultura italiana nell'opera di Távora, Soutinho e Siza., [Dissertation thesis], Alma Mater Studiorum Università di Bologna. Dottorato di ricerca in Architettura e culture del progetto, 33 Ciclo.
Documenti full-text disponibili:
[img] Documento PDF (Italiano) - Accesso riservato fino a 14 Aprile 2022 - Richiede un lettore di PDF come Xpdf o Adobe Acrobat Reader
Disponibile con Licenza: Salvo eventuali più ampie autorizzazioni dell'autore, la tesi può essere liberamente consultata e può essere effettuato il salvataggio e la stampa di una copia per fini strettamente personali di studio, di ricerca e di insegnamento, con espresso divieto di qualunque utilizzo direttamente o indirettamente commerciale. Ogni altro diritto sul materiale è riservato.
Download (234MB) | Contatta l'autore

Abstract

Rivolto al contesto portoghese, il progetto della seguente ricerca è orientato alla comprensione della pratica dell’intervento sul patrimonio nei cinque decenni successivi alla redazione della Carta di Venezia, indagando in particolare l’atteggiamento progettuale assunto in tali circostanze da Fernando Távora, Alcino Soutinho e Álvaro Siza - tre rilevanti architetti della ‘Scuola di Porto’. A tale proposito, un aspetto rilevante dell’indagine sarà quindi fornire uno ‘sguardo italiano’, inteso come lettura critica del loro operato, capace di analizzare oltre agli aspetti compositivi, questioni relative al ‘restauro’, nonché individuare possibili influenze della cultura del progetto di matrice italiana, derivate da viaggi, incontri e conferenze avvenute in Italia. Per mantener fede alle aspettative proposte si è ritenuto imprescindibile prendere le mosse dal significato assunto dal concetto di patrimonio storico culturale, così come declinato in ambito lusitano, unitamente alla definizione delle misure di tutela dei monumenti e alla determinazione dei vari approcci progettuali sul patrimonio che si sono susseguiti negli anni. Successivamente è stata condotta un’indagine sulle eventuali influenze della cultura architettonica italiana del secondo dopoguerra, verificando quindi in che misura abbiano contribuito alla formazione culturale e professionale degli architetti in questione. L’analisi di sei casi studio, due per ogni maestro selezionato, ha costituito il principale mezzo di ricerca. Le considerazioni emerse hanno quindi permesso la definizione degli atteggiamenti progettuali assunti nei confronti dei manufatti antichi, nonché le modalità di intervento adottate di fronte ai segni del tempo su di essi sedimentati. Considerazioni che hanno inoltre condotto ad un confronto finale di più ampio raggio, richiamando altre coeve esperienze di simile natura, dislocate sull’intero territorio portoghese.

Abstract
Tipologia del documento
Tesi di dottorato
Autore
Fantini, Eleonora
Supervisore
Co-supervisore
Dottorato di ricerca
Ciclo
33
Coordinatore
Settore disciplinare
Settore concorsuale
Parole chiave
Architettura portoghese, intervento sul patrimonio, antico e nuovo, influenza italiana, Fernando Távora, Alcino Soutinho, Álvaro Siza.
URN:NBN
Data di discussione
28 Maggio 2021
URI

Altri metadati

Gestione del documento: Visualizza la tesi

^