Caratterizzazione dell'aggressivita e della sensibilita ai fungicidi di popolazioni di Mycosphaerella graminicola (anamorfo Zymoseptoria tritici) su frumento

Battistini, Greta (2019) Caratterizzazione dell'aggressivita e della sensibilita ai fungicidi di popolazioni di Mycosphaerella graminicola (anamorfo Zymoseptoria tritici) su frumento, [Dissertation thesis], Alma Mater Studiorum Università di Bologna. Dottorato di ricerca in Scienze e tecnologie agrarie, ambientali e alimentari, 31 Ciclo.
Documenti full-text disponibili:
[img] Documento PDF (Italiano) - Accesso riservato fino a 10 Febbraio 2022 - Richiede un lettore di PDF come Xpdf o Adobe Acrobat Reader
Disponibile con Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives (CC BY-NC-ND 4.0) .
Download (1MB) | Contatta l'autore

Abstract

Mycosphaerella graminicola, anamorfo Zymoseptoria tritici, è l’agente causale della septoriosi. Questo patogeno, diffuso in Europa, in Italia solo in tempi recenti è causa di notevoli perdite di produzione. L’impiego di cultivar tolleranti è un importante mezzo di controllo ma il più diffuso è il trattamento con fungicidi. L’obiettivo principale dello studio è stato valutare la sensibilità di isolati italiani di Z. tritici alle famiglie di fungicidi impiegate nella difesa (QoI, DMI e SDHI). Questo ha portato anche alla messa a punto di un protocollo in droplets digital PCR (ddPCR) per valutare la frequenza della G143A, sostituzione responsabile della resistenza alle strobilurine. Un altro obiettivo ha invece riguardato la sensibilità di varietà di frumento coltivate in Italia a Z. tritici approfondendo la specificità di infezione di isolati del patogeno al frumento tenero e duro. Dalla valutazione della sensibilità a QoI, DMI e SDHI e dall’analisi delle sequenze cytb, cyp51 e Sdhb-c-d si è potuto concludere come le tre famiglie possono essere impiegate nella difesa in Italia. A causa della presenza di cali di efficacia riscontrati nei confronti di QoI e DMI appare importante seguire le indicazioni anti-resistenza proposte dal Fungicide Resistance Action Committee. L’ utilizzo della ddPCR nello studio della frequenza della G143A ha permesso di misurare in maniera sensibile e accurata la sostituzione. Protocolli simili potrebbero essere sviluppati nei confronti di altre mutazioni causanti resistenza ai fungicidi, sia in Z. tritici che in altri patogeni. La valutazione della sensibilità delle varietà di frumento al patogeno, è avvenuta attraverso l’inoculazione delle piante con isolati provenienti da frumento duro e tenero. I risultati hanno mostrato l’emergere della specializzazione degli isolati saggiati alle due specie di frumento ma studi più approfonditi, potrebbero confermare il fenomeno. Le informazioni apportate da questa tesi possono contribuire sostanzialmente alla gestione di Z. tritici in campo.

Abstract
Tipologia del documento
Tesi di dottorato
Autore
Battistini, Greta
Supervisore
Co-supervisore
Dottorato di ricerca
Ciclo
31
Coordinatore
Settore disciplinare
Settore concorsuale
Parole chiave
Z. tritici,relazione gene-for-gene,ddPCR,QoI,DMI,SDHI,resistenza varietale
URN:NBN
Data di discussione
20 Marzo 2019
URI

Altri metadati

Gestione del documento: Visualizza la tesi

^