Strategie cognitive e decision making nella realizzazione di software complessi

Scillia, Giacomo (2019) Strategie cognitive e decision making nella realizzazione di software complessi, [Dissertation thesis], Alma Mater Studiorum Università di Bologna. Dottorato di ricerca in Philosophy, science, cognition, and semiotics (pscs), 31 Ciclo.
Documenti full-text disponibili:
[img] Documento PDF (Italiano) - Accesso riservato fino a 22 Marzo 2021 - Richiede un lettore di PDF come Xpdf o Adobe Acrobat Reader
Disponibile con Licenza: Salvo eventuali più ampie autorizzazioni dell'autore, la tesi può essere liberamente consultata e può essere effettuato il salvataggio e la stampa di una copia per fini strettamente personali di studio, di ricerca e di insegnamento, con espresso divieto di qualunque utilizzo direttamente o indirettamente commerciale. Ogni altro diritto sul materiale è riservato.
Download (1MB) | Contatta l'autore

Abstract

Nella vita quotidiana le persone si trovano a decidere in condizioni di incertezza, senza avere a disposizione informazioni complete sulle quali basare le proprie scelte, come quando, ad esempio, devono scegliere se accettare o rifiutare un nuovo lavoro. Durante questa tipologia di compito decisionale, svolgono un ruolo importante diverse aree della corteccia prefrontale (Bechara, Damasio et al., 1994; 1999; 2000). Lo studio cognitivo delle decisioni si è fatto strada nella scienza economica, e le sue implicazioni si sono rivelate non meno significative nell’ambito della decisione medica. La mia ipotesi è che le stesse implicazioni, opportunamente osservate e analizzate, possano essere rilevanti nell’ambito della progettazione del software. È tipico infatti degli agenti economici (consumatori, imprenditori, investitori) dover selezionare l’operazione da preferire fra corsi di azione alternativi, ponderando i loro relativi costi e benefici in condizioni di incertezza e di rischio. Ebbene, numerosi problemi di usabilità e di progettazione inducono progettisti e utenti a servirsi di scorciatoie cognitive che producono errori sistematici. L’ipotesi alla base della presente tesi è che i risultati della ricerca cognitiva siano imprescindibili per migliorare la presa di decisione di qualsiasi progetto. Per mettere a punto procedure che ci permettano di evitare le conseguenze di errori di questo tipo è necessario prendere atto della loro presenza e imparare a riconoscere le condizioni nelle quali si manifestano. La ricerca è stata condotta seguendo due direttrici: (1) approfondire l'argomento della razionalità limitata e delle strategie cognitive adottate in contesti tecnici, tema rilevante e con importanti ricadute per tutte le aziende che si trovano a progettare e manutenere sistemi informativi complessi; (2) analizzare le euristiche e i biases elicitati dai progettisti di sistemi complessi, al fine di superare i limiti metodologici dei diversi approcci di progettazione e sviluppo del software.

Abstract
Tipologia del documento
Tesi di dottorato
Autore
Scillia, Giacomo
Supervisore
Dottorato di ricerca
Ciclo
31
Coordinatore
Settore disciplinare
Settore concorsuale
Parole chiave
decision making, heuristic, cognitive bias, bounded rationality, cognitive strategies, cognitive sciences, software design, ergonomia cognitiva, psicologia cognitiva, razionalità limitata, strategie cognitive.
URN:NBN
Data di discussione
12 Aprile 2019
URI

Altri metadati

Gestione del documento: Visualizza la tesi

^