Funzioni e limiti dell'autonomia privata nella giustizia arbitrale

Maroni, Silvia (2019) Funzioni e limiti dell'autonomia privata nella giustizia arbitrale, [Dissertation thesis], Alma Mater Studiorum Università di Bologna. Dottorato di ricerca in Scienze giuridiche - phd in legal studies, 31 Ciclo.
Documenti full-text disponibili:
[img] Documento PDF (Italiano) - Accesso riservato fino a 2 Febbraio 2022 - Richiede un lettore di PDF come Xpdf o Adobe Acrobat Reader
Disponibile con Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives 4.0 (CC BY-NC-ND 4.0) .
Download (956kB) | Contatta l'autore

Abstract

Il lavoro muove dalla individuazione della nozione di autonomia privata nell’attuale dibattito civilistico per approdare all’inquadramento di questo concetto all’interno del fenomeno arbitrale. Dopo il tentativo di collocare l’istituto arbitrale fra ambito privatistico e ambito processualistico, lo studio si è concentrato sui settori nei quali l’autonomia privata riferita al diritto arbitrale può esplicarsi. Si è cosi trattato il tema della materia arbitrale verificando soprattutto l’ampiezza e i limiti del potere delle parti relativamente alla possibilità di sottrarre alla competenza del giudice ordinario la risoluzione delle controversie. Da questo punto di vista si è appurato come la necessaria valorizzazione del ruolo dell’autonomia privata implichi la tendenza ad ampliare al massimo il potere di devolvere ad arbitri la controversia. Tale potere sopporta il limite, tuttavia, della soggezione alle disposizioni costituzionali rappresentate dagli artt. 24 e 111 della Carta Costituzionale Dall’analisi di un ambito c.d. sostanzialista si è quindi passati alla disamina di un settore più precipuamente processualista e si è quindi verificato entro quali limiti e seguendo quali criteri le parti possono conformare le regole del processo arbitrale ovvero modificare o derogare a quelle previste dalla disciplina processualcivilistica. Da questo punto di vista l’esito dell’indagine è stato quello di riconoscere la libertà delle parti di conformare le regole del processo arbitrale in conformità all’art. 816 bis del c.p.c. Anche rispetto a tale settore si è tuttavia posto in evidenza come il potere delle parti non possa trasformarsi in arbitrio e debbano essere pertanto rispettati anche in tale contesto i principi che regolamentano il processo ordinario e pertanto quello del contraddittorio, della terzietà e imparzialità dell’organo giudicante e della ragionevole durata del processo. Infine, si è proceduto all’analisi di come alcuni modelli di common law (modello nordamericano e modello inglese) trattino il tema dell’autonomia privata nel contesto del fenomeno arbitrale.

Abstract
Tipologia del documento
Tesi di dottorato
Autore
Maroni, Silvia
Supervisore
Dottorato di ricerca
Ciclo
31
Coordinatore
Settore disciplinare
Settore concorsuale
Parole chiave
autonomia privata, arbitrato
URN:NBN
Data di discussione
12 Aprile 2019
URI

Altri metadati

Gestione del documento: Visualizza la tesi

^