Esame ecografico con mezzo di contrasto (ceus) nello studio delle patologie dell'apparato gastroenterico

Linta, Nikolina (2018) Esame ecografico con mezzo di contrasto (ceus) nello studio delle patologie dell'apparato gastroenterico, [Dissertation thesis], Alma Mater Studiorum Università di Bologna. Dottorato di ricerca in Scienze veterinarie, 30 Ciclo.
Documenti full-text disponibili:
[img] Documento PDF (Italiano) - Accesso riservato fino a 6 Marzo 2021 - Richiede un lettore di PDF come Xpdf o Adobe Acrobat Reader
Disponibile con Licenza: Salvo eventuali più ampie autorizzazioni dell'autore, la tesi può essere liberamente consultata e può essere effettuato il salvataggio e la stampa di una copia per fini strettamente personali di studio, di ricerca e di insegnamento, con espresso divieto di qualunque utilizzo direttamente o indirettamente commerciale. Ogni altro diritto sul materiale è riservato.
Download (3MB) | Contatta l'autore

Abstract

La ricerca è incentrata sulla valutazione dell’applicabilità dell’esame ecocontrastografico (CEUS) nello studio delle patologie dell’apparato gastroenterico (GE) dei piccoli animali ed in particolare dell’Inflammatory Bowel Disease (IBD) e dell’ischemia gastrointestinale. Per l’IBD sono stati condotti due studi: uno per determinare l’applicabilità della metodica CEUS nella valutazione della perfusione parietale del duodeno in cani con IBD e l’altro per valutare l’applicabilità della CEUS nel monitoraggio della risposta terapeutica. E’ stato arruolato un gruppo di cani con IBD e uno di cani sani sui quali sono stati formulati e confrontati score clinici, ecografici, ecocontrastografici, endoscopici e istologici del duodeno. Inoltre in un gruppo di soggetti con IBD tali score sono stati confrontati sia al momento della diagnosi che dopo un tempo standardizzato dall’inizio della terapia. Sono state osservate differenze nella modalità di distribuzione del mezzo di contrasto nella parete duodenale tra soggetti sani e quelli con IBD, e tra soggetti con IBD per e post terapia. La quantificazione delle variabili perfusive CEUS ha invece evidenziato differenze statisticamente significative tra soggetti sani e malati per quanto riguarda il Peak Intensity (PI) e Mean Transit Time (MTT). Nessuna differenza è stata evidenziata nelle variabili CEUS dei soggetti con IBD pre- e post-terapia. Su questi risultati è possibile affermare che la CEUS è utile nel distinguere i cani malati dai sani ma non è utili per il monitoraggio terapeutico. Nello studio delle patologie ischemiche GE è stato incluso un piccolo gruppo di cani e gatti (5 pazienti) con lesioni ischemiche di diversa natura. La CEUS ha mostrato una severa riduzione o una completa assenza della perfusione parietale del tratto gastroenterico colpito in confronto alla normale perfusione dei tratti intestinali circostanti dimostrando l’applicabilità e l’utilità di questa metodica nel determinare un danno perfusivo parietale in analogia con quanto già dimostrato in Medicina Umana.

Abstract
Tipologia del documento
Tesi di dottorato
Autore
Linta, Nikolina
Supervisore
Dottorato di ricerca
Ciclo
30
Coordinatore
Settore disciplinare
Settore concorsuale
Parole chiave
esame ecocontrastografico, cane, Inflammatory Bowel Disease (IBD), apparato gastroenterico, ischemia intestinale.
URN:NBN
Data di discussione
9 Maggio 2018
URI

Altri metadati

Gestione del documento: Visualizza la tesi

^