Movements and Militant Memory. Ethnography and Anti-Asbestos Activism in Brazil

Mazzeo, Agata (2017) Movements and Militant Memory. Ethnography and Anti-Asbestos Activism in Brazil, [Dissertation thesis], Alma Mater Studiorum Università di Bologna. Dottorato di ricerca in Storia culture civilta', 29 Ciclo.
Documenti full-text disponibili:
[img] Documento PDF (English) - Accesso riservato fino a 26 Marzo 2020 - Richiede un lettore di PDF come Xpdf o Adobe Acrobat Reader
Disponibile con Licenza: Salvo eventuali più ampie autorizzazioni dell'autore, la tesi può essere liberamente consultata e può essere effettuato il salvataggio e la stampa di una copia per fini strettamente personali di studio, di ricerca e di insegnamento, con espresso divieto di qualunque utilizzo direttamente o indirettamente commerciale. Ogni altro diritto sul materiale è riservato.
Download (3MB) | Contatta l'autore

Abstract

La tesi si basa su un lavoro di campo etnografico di dieci mesi condotto nella città di Osasco (San Paolo, Brasile), dove ho indagato le pratiche di attivismo intraprese dai membri della Associação Brasileira dos Expostos ao Amianto-ABREA [Associazione Brasiliana Esposti Amianto]. Il movimento per la proibizione dell’amianto nel mondo, da un lato, e il mercato dell’amianto, dall’altro, percorrono multiple traiettorie transnazionali. Io ho seguito quella che collega Casale Monferrato in Italia (contesto del mio precedente studio) e Osasco in Brasile, dove ho raccolto i dati discussi in questa tesi. Entrambe le città sono stati le sedi dei più grandi cementifici del marchio Eternit in Europa e in America Latina, rispettivamente. I minerali d’amianto sono cancerogeni e l’esposizione alle loro fibre può causare malattie gravi e mortali. In Italia, l’amianto è stato vietato nel 1992, mentre in Brasile la sua estrazione e uso sono ancora legali nella maggiorparte degli stati. A partire da una prospettiva antropologica orientata alle pratiche e ai discorsi del corpo, ho considerato la relazione tra le esperienze di sofferenza sociale e privata provocata dall’esposizione all’amianto e l’impegno nell’attivismo. L’ipotesi di ricerca è che, in alcuni contesti, gli attori sociali coinvolti nell’esperienza (corporea) della sofferenza possano sentire l’urgenza di mobilitarsi per far fronte alle crisi innescate da quella sofferenza la cui esperienza sconvolge il loro mondo (fisico, sociale e affettivo). Tale impegno può avere un impatto rilevante sul contesto locale, nazionale e internazionale, anche al di là della consapevolezza e della volontà dell’attore sociale riguardo alle ripercussioni socio-politiche delle sue azioni. Le pratiche di lotta intraprese dagli attivisti dell’ABREA e le loro storie di vita, di lavoro e sofferenza sono illustrative dei processi attraverso i quali le dinamiche transnazionali dei disastri amianto-correlati sono localmente vissute e contestate.

Abstract
Tipologia del documento
Tesi di dottorato
Autore
Mazzeo, Agata
Supervisore
Dottorato di ricerca
Ciclo
29
Coordinatore
Settore disciplinare
Settore concorsuale
Parole chiave
grass-roots activism, asbestos, body, suffering, ethnography, occupational health hazards, global health, disaster, risk, social justice
URN:NBN
Data di discussione
5 Giugno 2017
URI

Altri metadati

Gestione del documento: Visualizza la tesi

^