Il principio di laicità nei testi costituzionali con riferimento all'ordinamento americano, europeo ed internazionale

Revilla Izquierdo, Milagros Aurora (2017) Il principio di laicità nei testi costituzionali con riferimento all'ordinamento americano, europeo ed internazionale, [Dissertation thesis], Alma Mater Studiorum Università di Bologna. Dottorato di ricerca in Stato, persona e servizi nell'ordinamento europeo e internazionale, 29 Ciclo. DOI 10.6092/unibo/amsdottorato/8030.
Documenti full-text disponibili:
[img]
Anteprima
Documento PDF (Italiano) - Richiede un lettore di PDF come Xpdf o Adobe Acrobat Reader
Disponibile con Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives (CC BY-NC-ND 3.0) .
Download (1MB) | Anteprima

Abstract

Il principio di laicità dello Stato, proclamato expressis verbis nelle Costituzioni o dichiarato dalle Corti Costituzionali, è una realtà diffusa negli ordinamenti costituzionali che riconoscono e garantiscono i diritti umani, innanzitutto in virtù del principio d’uguaglianza e divieto di non discriminazione per motivi di religione e di convinzioni e della libertà di pensiero, coscienza e religione. Considerando la nozione di «ordinamento costituzionale», così come proposta da Barbera, è possibile identificare il nucleo dell’ordinamento giuridico attraverso tre elementi fra loro collegati: il testo costituzionale; le altre disposizioni, anche non costituzionali, che anch’esse danno forma e identità all’intero ordinamento giuridico come le norme di importanti Dichiarazioni di diritti recepite nello stesso ordinamento; i fini e i valori della forze (politiche, sociali e culturali). Pertanto, l’ordinamento costituzionale non si identifica con le sole norme formalmente costituzionali e viceversa i testi costituzionali non esauriscono i contenuti dell’ordinamento costituzionale (2010, 330-334). Nel presente lavoro, attraverso il metodo positivista, si propone l’analisi del principio di laicità negli ordinamenti costituzionali degli stati europei ed americani che sono parti contraenti dei documenti e trattati in materia di diritti umani. Non si può, pertanto, non tener conto di ciò che Mortati ha riconosciuto nel positivismo normativo, ossia che: non è contestabile il merito di Kelsen di far valere l'esigenza di ancorare l'ordinamento positivo ad un punto fermo, inteso come criterio idoneo ad identificarlo, a farne conoscere la permanenza nel tempo, nonché correlativamente il momento della sua cessazione. (1962, n.9) tenendo conto che «the foundation of,constitutionalism, then, is the idea of free an equal persons governing themselves through law as part of an international community of equally sovereign states » (Kumm, 2016, 711).

Abstract
Tipologia del documento
Tesi di dottorato
Autore
Revilla Izquierdo, Milagros Aurora
Supervisore
Dottorato di ricerca
Ciclo
29
Coordinatore
Settore disciplinare
Settore concorsuale
Parole chiave
laicità, sovranità, ordinamento costituzionale, diritti umani, corte europea e corte interamericana dei diritti umani
URN:NBN
DOI
10.6092/unibo/amsdottorato/8030
Data di discussione
24 Maggio 2017
URI

Altri metadati

Statistica sui download

Gestione del documento: Visualizza la tesi

^